Notizie

Il 14/03/2019 sarà effettuato un fermo servizio per consentire il rilascio in esercizio di una nuova versione dei seguenti modelli:

  • Autorizzazione paesaggistica
  • CILA
  • SCIA alternativa a PdC
  • SCIA
  • Permesso di Costruire

Per effettuare tale aggiornamento il servizio sarà interrotto per i professionisti a partire dalle ore 11.00 e per gli utenti della PA dalle ore 14.00

Gli aggiornamenti occorsi ai modelli hanno riguardato l’applicazione della LR 16/2018, alcune variazioni alla sezione vincoli paesaggistici e alla SCIA in variante.

I modelli oggetto di rilascio andranno a sostituire integralmente quelli attuali. Si invitano i professionisti a considerare fin d’ora la necessità di concludere la compilazione dei modelli interessati ed effettuarne l’inoltro entro tempi che permettano ai Comuni le verifiche del caso e quindi non troppo a ridosso della scadenza indicata, al fine di evitare la perdita dei dati inseriti nel modello.

Il fermo servizio contempla anche il rilascio di un nuovo modello riservato alla ricostruzione terremoto centro Italia.

Si ringrazia per la collaborazione

L'art.140 della L.R. 19/2018 ha inserito l'art. 7 bis nella legge 19/2011 in materia di sostegno alle professioni intellettuali ordinistiche, prevedendo che le richieste di autorizzazione o le istanze ad intervento diretto previste da norme o regolamenti regionali, della Città metropolitana di Torino e comunali, devono essere corredate anche dalla lettera di affidamento dell'incarico sottoscritta dal committente, con allegata fotocopia del documento d'identità.
Da un'interpretazione strettamente letterale, si evince che l'attuazione della disposizione normativa è condizionata all’emanazione del modello regionale affidato al provvedimento della Giunta e che, pertanto, le richieste di autorizzazione e le istanze ad accesso diretto dovranno essere corredate dalla documentazione sopra richiamata solo a seguito dell’elaborazione del modello. Conseguentemente, non trova applicazione la sospensione del procedimento amministrativo prevista dal comma 3 in caso di mancata presentazione del modello medesimo.

Si comunica che a partire dal 04 febbraio 2019 il comune di Trofarello avvierà il servizio Mude on line.

Per ulteriori informazioni e dettagli consultare il comunicato predisposto dall'Ente sul proprio sito istituzionale.

Informiamo che per effetto del consolidamento di alcuni cambiamenti organizzativi nei servizi di supporto agli utenti, potrebbero verificarsi temporanei rallentamenti nell’evasione delle richieste.

Ci scusiamo per gli eventuali possibili disagi, fermo restando che saranno messe in campo tutte le azioni per ridurre al minimo gli impatti verso l'utenza.

Ringraziamo per la collaborazione

Si comunica che a partire dal 1° gennaio 2019 il comune di Premeno ha avviato il servizio Mude on line.

Sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte (B.U. 11 ottobre 2018, 2° suppl. al n. 41) è stata pubblicata la Legge Regionale 4 ottobre 2018, n. 16 (vigente dal 26/10/2018) "Misure per il riuso, la riqualificazione dell'edificato e la rigenerazione urbana".
La legge è consultabile al link:

http://arianna.cr.piemonte.it/iterlegcoordweb/dettaglioLegge.do?urnLegge=urn:nir:regione.piemonte:legge:2018;16@2018-10-26&tornaIndietro=true

La Regione Piemonte con DPGR 5 ottobre 2018, n. 8/R  (Regione Piemonte BU41S2 11/10/2018), ha deliberato il Regolamento regionale recante: “Disposizioni per l'erogazione graduale del servizio telematico per la richiesta o la presentazione dei titoli abilitativi edilizi e definizione dei requisiti tecnici per l'interoperabilità dei sistemi e per l'integrazione dei processi fra le diverse amministrazioni”, in ottemperanza all’art. 49 comma 2 della legge regionale 5 dicembre 1977, n. 56.

Il Regolamento stabilisce che i comuni si dovranno dotare di sistemi telematici per l’inoltro delle istanze relative ai procedimenti di edilizia privata e ne descrive i requisiti tecnici essenziali per garantire uniformità informativa e l’interoperabilità fra gli altri sistemi a livello regionale.

La Regione Piemonte nell’ambito della sussidiarietà mette a disposizione dei comuni o loro forme associative il sistema regionale MUDE Piemonte.

Il 23 ottobre 2018 sono stati rilasciati in esercizio i seguenti modelli la cui compilazione avviene ora esclusivamente in modalità off-line:

  • Autorizzazione paesaggistica
  • CILA
  • SCIA alternativa a PdC
  • Segnalazione Certificata per l’Agibilità associata a titoli digitali
  • Aggiornamento alla Integrazione documentale, contenente la specializzazione se trattasi di integrazione al procedimento edilizio o a quello paesaggistico
  • Inizio lavori Permesso di Costruire
  • Richiesta Proroga Inizio-Fine lavori per il Permesso di Costruire.

La nuova modalità di compilazione è incompatibile con la precedente, pertanto i modelli oggetto di rilascio andranno a sostituire integralmente quelli fatti precedentemente.

La compilazione della restante modulistica continuerà ad essere effettuata in modalità on-line, il sistema segnalerà e gestirà le diverse modalità di compilazione. Con successive comunicazioni saranno fornite indicazioni sul rilascio dei prossimi modelli.

Si ringrazia per la collaborazione

Sono ora disponibili in esercizio i primi modelli la cui compilazione avviene esclusivamente in modalità off-line:

  • Permesso di Costruire
  • SCIA
  • Integrazione documentale.

La nuova modalità di compilazione è incompatibile con l’attuale (consultare la “Guida MUDE - Guida operativa compilazione modulistica off-line”) , pertanto i modelli oggetto di rilascio andranno a sostituire integralmente quelli attuali. 

La compilazione della restante modulistica continuerà ad essere effettuata in modalità on-line, il sistema segnalerà e gestirà le diverse modalità di compilazione. Con successive comunicazioni saranno fornite indicazioni sul rilascio dei prossimi modelli.

 

Si ringrazia per la collaborazione

Si suggerisce, ai professionisti che inoltrano istanze al Comune di Torino, di utilizzare esclusivamente l'indirizzo ottenuto tramite il georiferimento senza alterare il contenuto nella composizione " sedime, via, numero civico" e senza aggiungere e/o modificare le informazioni alle voci " bis, bis interno, interno, interno 2, secondario"; queste informazioni possono essere riportate nel campo Note.

Ricordarsi di verificare la presenza della spunta alla voce "Indirizzo principale" e di utilizzare per il georiferimento sull'edificato alla voce "estrazione dati associati" il livello "ACI fabbricati".

Ringraziamo per la collaborazione