Notizie

Nell’ambito delle attività volte a rendere maggiormente fruibile e agevole la compilazione della modulistica MUDE, si sta operando il progressivo passaggio alla compilazione off line. La compilazione off line avverrà scaricando sul proprio PC il modello e quindi effettuando la compilazione con il solo utilizzo di Adobe Reader. La compilazione off line permetterà di superare gli inconvenienti derivanti dalla configurazione del browser con il plug-in Adobe (si potrà utilizzare qualsiasi browser per accedere e operare in MUDE), nonché quelli di accesso dalle piattaforme con sistema operativo MAC, mantenendo valide tutte le operatività sui controlli di completezza e coerenza delle dichiarazioni/asseverazioni presenti nel modello, garantendo così ai sistemi informativi comunali la consueta congruità informativa fra il contenuto del modello e i dati acquisiti sui propri sistemi.

I primi modelli oggetto della revisione utilizzati in Regione Piemonte saranno:

  • Permesso di Costruire
  • SCIA
  • Integrazione documentale.

Il rilascio in esercizio di questi modelli è previsto per l’ inizio di luglio 2018, con successive comunicazioni saranno fornite indicazioni precise su data e orari del fermo servizio.

La nuova modalità di compilazione sarà incompatibile con l’attuale, pertanto i modelli oggetto di rilascio andranno a sostituire integralmente quelli attuali, mentre le restanti funzionalità del sistema e la compilazione dei restanti modelli resteranno invariate.

Si invitano i professionisti a considerare fin d’ora la necessità di concludere la compilazione dei modelli interessati dal passaggio all’off line in questa prima fase (PdC, SCIA, Integrazione documentale) ed effettuarne l’inoltro entro tempi che permettano ai Comuni le verifiche del caso e quindi non troppo a ridosso della scadenza indicata, al fine di evitare la perdita dei dati inseriti nel modello.

Si ringrazia per la collaborazione

Si suggerisce, ai professionisti che inoltrano istanze al Comune di Torino, di utilizzare esclusivamente l'indirizzo ottenuto tramite il georiferimento senza alterare il contenuto nella composizione " sedime, via, numero civico" e senza aggiungere e/o modificare le informazioni alle voci " bis, bis interno, interno, interno 2, secondario"; queste informazioni possono essere riportate nel campo Note.

Ricordarsi di verificare la presenza della spunta alla voce "Indirizzo principale" e di utilizzare per il georiferimento sull'edificato alla voce "estrazione dati associati" il livello "ACI fabbricati".

Ringraziamo per la collaborazione

 

Si comunica che a far data dal 29 maggio 2018 sarà possibile, per i professionisti, accreditarsi e accedere al servizio MUDE tramite SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), in alternativa al certificato digitale.

L'accesso tramite SPID prevede il secondo livello di autenticazione: permette l'accesso attraverso un nome utente e una password scelti dall'utente, più la generazione di un codice temporaneo di accesso (one time password).

Si comunica che da martedì 3 aprile il Comune di Vidracco ha attivato il servizio Mude on Line.

Si comunica che a partire dal 03 aprile 2018 il comune di Frossasco avvierà il servizio Mude on line.

A partire da tale data quindi le pratiche edilizie residenziali di qualsiasi tipo andranno esclusivamente presentate sulla piattaforma MUDE della Regione Piemonte ( http://www.mude.piemonte.it/site/) . Si ricorda che per le attività economiche è già operante la presentazione on-line tramite SUAP (http://www.sistemapiemonte.it/sportellounico/suappiemonte.shtml ) .

Si chiede cortesemente che in questa fase transitoria i professionisti , esclusivamente per le istanze di Permesso di Costruire, consegnino all’ufficio una copia di cortesia degli elaborati grafici.

La Conferenza Unificata riunitasi il 22 febbraio 2018 ha approvato  il glossario  contente l'elenco delle principali opere edilizie realizzabili in attività edilizia libera. Con successivi decreti saranno adottati i glossari relativi alle opere realizzabili mediante CILA, SCIA, SCIA alternativa a Permesso di Costruire e Permesso di Costruire.
Il progetto MUDE Piemonte partecipa ai tavoli nazionali e contribuisce attivamente alla formulazione del glossario grazie anche al contributo espresso dai Comuni e dagli Ordini professionali aderenti al progetto MUDE.
Grazie per la collaborazione

A far data dal 16 febbraio 2018 è possibili inoltrare Richiesta di Autorizzazione Paesaggistica per via telematica al Comune di Torino. Il modello contiene altresì la richiesta di "Accertamento di compatibilità paesaggistica".

A far data dall'8 GENNAIO 2018 gli indirizzi relativi ad opere edilizie inseriti tramite il sistema Mude Piemonte dovranno, obbligatoriamente, essere rilevati attraverso l'utilizzo della funzione di georeferenziazione, scegliendo fra quelli proposti dal sistema senza alterarne il contenuto, al fine di consentirne il corretto inserimento toponomastico nell'archivio.

Le pratiche per le quali non risulterà correttamente individuato l'indirizzo, rispetto a quanto codificato nella toponomastica cittadina, verranno restituite per la regolarizzazione dell'indirizzo sopraindicata.

Si precisa che, solo ed esclusivamente per i nuovi indirizzi non ancora codificati in toponomastica e quindi non georiferiti, al fine di permettere l'inoltro della pratica edilizia, si potrà, con una dichiarazione specifica del professionista incaricato, indicare un fronte (o un civico più prossimo al cantiere o al futuro ingresso finale dell'edificio) con l'impegno a comunicare il nuovo indirizzo assegnato non appena ottenuto.

Il Commissario straordinario del Governo, Vasco Errani, nominato dal Consiglio dei Ministri per la ricostruzione nei territori del centro Italia colpiti dal terremoto, ha richiesto formalmente alla Regione Piemonte e al Comune di Torino, nonché alla Regione Emilia Romagna, l’utilizzo della piattaforma MUDE Piemonte e della relativa modulistica, per gestire tutte le richieste di contributo per la ricostruzione, così come avvenuto per il sisma 2012 che ha colpito l’Emilia Romagna.
La Regione Piemonte e il Comune di Torino hanno risposto affermativamente alla richiesta del Commissario, pertanto sono iniziate le attività necessarie a configurare la piattaforma alle nuove esigenze.
Questo nuovo utilizzo del MUDE Piemonte, che vede coinvolte quattro Regioni e 131 Comuni, comporta delle ricadute sugli attuali utilizzatori del sistema esclusivamente per quanto riguarda la fruizione del servizio in quanto, sicuramente nella prima fase di assestamento della modulistica in ragione delle ordinanze commissariali, si potranno verificare dei fermo servizio con frequenza maggiore rispetto a quella canonica e programmata.
Siamo certi che questo disagio sarà compreso dagli attuali utilizzatori del sistema, che ringraziamo fin d’ora per la considerazione e collaborazione.

Si ricorda che per un corretto utilizzo del sistema è necessario pulire la cache del browser prima di effettuare l'accesso al Mude.

Ringraziamo per la collaborazione